BEAUTIFUL CURIOSITA’ – Cosa pensa Matthew Atkinson di Thomas Forrester? [contiene spoiler]

L'attore, quarto interprete di Thomas Forrester, parla del suo alter ego televisivo

Raccogliendo in rete alcune delle interviste rilasciate da Matthew Atkinson, Twittamibeautiful ti racconta che cosa pensa di Thomas Forrester, il personaggio che interpreta in BEAUTIFUL.

L’attore è il quarto, in ordine di tempo, ad aver interpretato Thomas Forrester da adulto. Atkinson non sapeva, inizialmente, che il suo personaggio sarebbe diventato un “cattivo”. La piega presa dal suo personaggio, però, gli piace e ogni nuovo copione è una sorpresa.
Man mano che il tempo passava, Atkinson ha capito quale fosse l’evoluzione del suo personaggio, in cerca di Hope per se stesso e per il figlio a cui è morta la madre. E ha avuto modo di confrontarsi anche con Brad Bell, produttore e autore capo, per capire cosa sarebbe accaduto a Thomas man mano che la trama si dipanava.

Nei panni di Thomas, Matthew si è trovato a recitare due cadute: una da una scogliera (una maldestra caduta, litigando con Brooke per via di Hope) e l’altra in una tanica di acido (che acido non era: si trattava del famoso BeLieF – la sostanza creata da Brooke nel 1991, con cui trattare i tessuti perché non sia necessario stirarli) mentre litigava con Hope che si sottrae ad un bacio di lui.

A proposito di queste due cadute, Atkinson dice che gli piace fare queste scene anche se la produzione tiene alla sicurezza del cast (c’era una imbracatura di sicurezza e un materassino per ammortizzare la caduta). Ma c’era anche uno stunt man che ha fatto il resto delle scene.

Atkinson dice anche che Thomas distrugge quelli con cui viene a contatto, ma con i familiari non supera i limiti… beh, con Douglas (Henry Joseph Samiri) però, Thomas lo farà: spaventerà il suo stesso bambino solo perché poi possa avvicinarsi ancora di più ad Hope. E quello è un momento di riflessione per Thomas sulla propria stessa natura ed il suo ruolo di padre.

Ma Thomas manipolerà anche sua sorella Steffy, facendo leva sul suo amore per Liam. Insomma, la sua ossessione per Hope lo porterà oltre i limiti che credeva non avrebbe superato…

Atkinson dice che ama molto lavorare con Jacqueline MacInnes Wood e che gli piace molto avere delle scene da condividere con lei, le vuole molto bene e che sono riusciti a creare un immediata connessione fratello-sorella.

Di Shauna Fulton, Matthew dice che è favolosa e che il personaggio di Shauna Fulton non è tanto dissimile da quello di Thomas: entrambi pensano che sia lecito andare oltre ciò che è moralmente accettabile pur di ottenere ciò che desiderano.

Di Katherine Kelly Lang, Atkinson dice che è bravissima, dolcissima e molto simpatica. Prende il lavoro molto sul serio ed è una grande attrice e professionista. Insieme si sono molto divertiti a girare la scena della lite sulla scogliera.

Ma dice anche che Thomas medita vendetta contro Brooke e contro tutte le Logan in generale, che vede come quelle che si mettono sempre in mezzo alle faccende altrui. Vuole Brooke fuori dalla vita di suo padre Ridge.

Per quanto riguarda Thorsten Kaye, suo padre sul set, Matthew dice che lo rispetta moltissimo come attore, gli piacciono le scene con lui perché sono molto reali, molto intense. Thorsten è sempre preparatissimo sul set ed è capace di creare tra loro una connessione immediata così da ricreare immediatamente un bel rapporto padre-figlio, come una magia.

Del suo personaggio, poi, Matthew dice che è una cattivo che può essere redento. Cerca l’approvazione del padre, porta le ferite di una infanzia vissuta in una famiglia divisa, e cerca il rispetto della famiglia. Per tali tratti, Matthew ritiene che molti possano provare empatia verso Thomas Forrester.

Matthiew lavora molto con Annika: la trova dolcissima, ma anche una tosta che potrebbe dargli un calcio nel sedere in qualsiasi momento! Annika Noelle è stata una delle prime persone con cui ha parlato sul set, perché anche lei a sua volta era entrata relativamente da poco nel ruolo che era della Matula. Entrare in un personaggio che è in una soap da anni, dice Atkinson, è una cosa tosta: bisogna fare un processo per entrare in un personaggio che il pubblico conosce con un altro volto.

E le scene senza camicia?
L’attore ammette che i costumisti spesso gli portano solo i pantaloni!
Beh, ce ne siamo accorti tutti, no?