BEAUTIFUL PERSONAGGI – La storia del Principe Omar

Twittamibeautiful ricorda l'indimenticabile Principe Omar

Il Principe Omar: che personaggio interessante!

“Esotico”, diverso dai soliti manzi palestrati di L.A., oltre ad essere di sangue reale, il principe del Marocco è stato interpretato da quel figaccione di Kabir Bedi che, nonostante possa essere mio nonno, fa sempre ribollire il sangue, sin dai tempi in cui saltava roteando sopra una tigre in Sandokan.

Risultati immagini per omar the bold and the beautiful

Il Principe Omar può tutto, persino salvare Taylor dalla morte, sostituendo il suo corpo con uno di cera. Geniale.

Ma partiamo dall’inizio: il principe Omar Rashid compare nel 1994, quando Taylor fu creduta morta, dopo un incidente aereo. Lui era il principe del Marocco (chissenefrega se in quell’anno il vero Re del Marocco era Hassan II) e aveva appena perso l’amore della sua vita tragicamente. Non salvò Taylor dall’incidente: scesa poco prima dello schianto per recarsi in bagno, durante lo scalo in Marocco, Taylor fu aggredita da una ladra, che la lasciò priva di sensi sul pavimento. Questo le salvò la vita, poiché non le consentì di risalire su quell’aereo che poco dopo si sarebbe schiantato. Omar la ritrovò ricoverata in ospedale, in coma a causa della botta presa in testa. Omar si occupò personalmente delle cure, visto che i medici arebbero voluto staccarle il respiratore,credendola spacciata: il suo amore le fu benefico, poiché Taylor si riprese, ma priva di memoria. Nel frattempo, scoperto di chi si tratta, ma affascinato da lei, Omar le nasconde la verità, ribattezzandola Laila. Proprio al culmine del suo amore per lei, Taylor scoprì il suo fascicolo, riacquistando la memoria. Omar la rinchiuse nelle sue stanze, per evitarle di contattare Ridge, che non sapendo la verità, decise di sposare Brooke.

Però, Omar decise di lasciargli vedere Ridge. Dirottò la barca di Ridge e Brooke e li ospitò al palazzo, in cui allestì una camera specchiata, da cui Taylor poté vedere il suo Ridge decantare il suo amore per Brooke, senza essere vista. Taylor decise così di non rivelarsi, per consentire a Ridge di essere felice accanto alla sua nuova famiglia.

In seguito, Taylor acconsentì a sposare Omar, per badare agli orfanelli, ma presto accade qualcosa che convince Taylor a ritornare a casa e lasciare Omar: l’infarto di suo padre Jack. Taylor ritornò a Beautifullandia, riavvicinandosi anche a Ridge e lasciando per sempre il Marocco (non prima di aver girato una miniserie intitolata “La figlia del Maharaja“, che poi, in realtà è proprio il motivo per cui fu creata questa trama, poiché venne girato prima che tutto ciò avvenisse e fu Hunter Tylo a tirare dentro alla soap Kabir Bedi).

07287337

Passarono gli anni e i matrimoni, Sheila sparò a Taylor e lei morì tra le braccia del nostro mascellone preferito. Ma andiamo per gradi.

In fin di vita, attaccata alle macchine a causa dello sparo di Sheila, Taylor chiese ai medici di staccare i macchinari, probabilmente convinta che di lì a poco sarebbe morta. Nel frattempo, Ridge si rifiuta di far entrare in camera i portantini per portare via Taylor, sconvolto dalla tragedia, evento che consente ad Omar di intervenire nell’ombra, rapire Taylor e curarla in Marocco [lui seppe della sparatoria tramite i media internazionali].

Taylor si riprese, ma Omar la rinchiuse nuovamente, per impedirle di ritornare a Beautifullandia. Ovviamente, Taylor riuscì a scappare, grazie all’intervento del pittore Dante Damiano [in seguito coinvolto anche nella trama con Bridget, Felicia e Nick].

Taylor tentò più volte di mettersi in contatto con Ridge, ma glielo impedirono gli scagnozzi di Omar, deciso a riportarla in Marocco. Fu dopo aver visto una donna rapita dagli scagnozzi di Omar, seppure velata, che Ridge si intestardì a disseppellire la bara di Taylor, rendendosi conto del manichino. Taylor risorse dalla luce, andando incontro a Ridge, mentre Omar, arreso ai veri sentimenti di Taylor, raccontò ciò che avvenne.

Taylor negli anni se l’è spassata con Thorne, Whip e Eric, ma il principe Omar, per fortuna, nessuno non l’ha mai più rivisto.