BEAUTIFUL PUNTATE AMERICANE – HOPE ascolta STEFFY dire a LIAM di matenere il segreto

Nelle puntate americane di BEAUTIFUL, Zoe dice a Carter di non volere Paris alla Forrester, Ridge offre un lavoro a Paris, Hope ascolta Steffy mentre consiglia a Liam di mantenere il segreto con lei: Twittamibeautiful riassume la puntata del 29 Dicembre 2020, trasmessa in America.


LEGGI ANCHE => BEAUTIFUL PUNTATE AMERICANE – BROOKE accetta di ospitare THOMAS, mentre LIAM si sente sempre più in colpa con HOPE


Allo chalet, Liam e Steffy continuano a riesaminare ciò che è successo la notte in cui sono finiti a letto insieme, tradendo i rispettivi partner, per un malinteso. Steffy crede non sia il caso di parlarne allo chalet, per evitare che orecchie indiscrete possano venire a conoscenza di tutto, reputando che Liam sia troppo scosso, anche per via della notizia che Thomas trascorrerà la convalescenza a casa di Brooke.

Liam ammette che non sarà facile da gestire la sua presenza a due passi da lui, dal momento che per lui sarà come un promemoria che gli ricorderà in che modo abbia mancato di rispetto al suo matrimonio con Hope, come uno stupido. Liam dice che quando è con Hope sente un profondo senso di colpa, ogni volta che le sente dire quanto lo ami. Steffy lo invita nuovamente ad andare avanti, visto che fortunatamente hanno ancora le persone che amano accanto, ribadendo che dire la verità causerà la distruzione di quanto hanno più a cuore, ovvero le rispettive relazioni con Hope e Finn. Alle parole di Steffy, disperato, Liam si chiede come possa poter andare avanti dimenticando tutto, senza sentire il peso della sua colpevolezza nei confronti di Hope.

A casa di Brooke, Hope continua a parlare con Thomas, che le chiede scusa per il suo comportamento prima del collasso cerebrale. Thomas dice a Hope di non volere che tutto quello che ha passato possa rovinare il suo percorso verso il miglioramento dei loro rapporti e spera che lei non abbia dimenticato in che modo lui si sia impegnato fino a quel momento per essere una persona migliore. Hope cerca di tranquillizzarlo, dicendogli che è tutto a posto e che lei crede in lui e nel suo cambiamento, ma adesso deve smettere di tormentarsi e focalizzarsi sulla sua ripresa.

Alla Forrester Creations, nel frattempo, continua il colloquio di Ridge con Paris. Ridge ascolta la giovane Buckingham parlare del suo impegno nei progetti sociali per poi proporle il posto lasciato libero all’interno della Fondazione Forrester.

Paris non riesce a credere alle parole di Ridge e senza esitare risponde di accettare la proposta. Ridge le consiglia di pensarci bene, prima di dare la sua risposta definitiva, in modo da poterne discutere anche con Zoe.

Nell’ufficio stilisti della FC, intanto, Carter rivela a Zoe di voler proporre a Paris di collaborare con i Forrester. Zoe si chiede in che modo un assistente sociale possa trovare posto in un’azienda di moda, ma Carter le fa presente che Paris può trovare spazio all’interno della Fondazione. Spiega quindi alla sua futura moglie, di aver contribuito a spingere Ridge a concedere una possibilità a Paris.

Zoe sorprende Carter, dicendo che farebbe bene a trovare un’altra persona più qualificata di Paris, ammettendo di non volere lavorare accanto a Paris e pretendendo che faccia del bene lontano dalla Forrester Creations.

Allo chalet, Liam continua a disperarsi con Steffy per il suo senso di colpa nei confronti di Hope. Steffy cerca di calmarlo e dirgli che non può lasciare che tutto sprofondi nel caos, per una notte soltanto. Deve mantenere il segreto per il bene di Kelly, Beth e Douglas. Steffy dice nuovamente che Liam non può dire la verità a Hope, proprio mentre lei entra nello chalet.

Hope chiede, quindi, spiegazioni riguardo ciò che ha sentito, pretendendo che gli dicano cosa non deve sapere.


Nella prossima puntata americana di BEAUTIFUL, Zoe e Carter litigheranno per la prima volta.

In attesa di scoprire cosa accadrà nelle puntate americane, segui tutte le evoluzioni di BEAUTIFUL con Twittamibeautiful, sul sito e sui profili TwitterFacebook e Instagram.