BEAUTIFUL STORY – 1996: Brooke è dispersa alle Barbados e adotta due bambole

Le storie girate in esterno non sono una novità per BEAUTIFUL, che nel corso degli anni ha fatto tappa in diversi Paesi del mondo. Nel 1996, la troupe della nostra amata soap opera fa scalo a Bridgetown, alle Barbados, per girare alcune scene divenute cult.

Una trama che si collega, in parte, a quella che ha per protagonista Bambola Hope, dal momento che Brooke si legherà a due bambole, scambiandole per i propri figli.

In quel periodo, Brooke scopre che anche Bridget è figlia di Eric. Sheila ha sabotato il test di paternità, facendo in modo che risultasse Ridge il padre della bambina, pur di non perdere Eric. Ridge trova una vecchia lettera e ben presto la verità salta fuori.

Intenzionata a lasciare per qualche tempo Los Angeles, per riflettere sulla sua vita, Brooke parte per le Barbados. Affida Rick e Bridget alle cure di Eric e Stephanie, pensando che per loro questa è la migliore situazione.

Persuaso da Stephanie, Eric si convince che dovrebbero togliere a Brooke l’affidamento di Rick e Bridget, che andandosene non si è dimostrata una buona madre. Così, approfittando dell’assenza della donna, Stephanie sprona Eric anche a lottare, per riottenere le azioni di Brooke e toglierle il pacchetto di maggioranza della Forrester.

Ridge si sente colpevole di aver provocato quella forte reazione in Brooke, a seguito della loro rottura. Inizia,quindi, ad essere preoccupato per la prolungata assenza della donna.

In realtà, alle Barbados, Brooke ha subito un esaurimento nervoso e vaga per le vie della città, insieme a due bambole, cui ha dato il nome dei suoi figli, Rick e Bridget.

Durante la sua permanenza, Brooke fa amicizia e si affeziona molto ad una bambina, Abigail Belume, che la convince a tornare a casa e a riprendersi i figli che la strega le ha tolto. Ritrovato il suo equilibrio interiore, dopo un mese di assenza, Brooke è pronta per tornare a Los Angeles.

Dopo una serie di scontri, Brooke riuscirà a mantenere la custodia dei suoi figli, ma questa è un’altra storia, che racconteremo in un altro articolo.


Nell’attesa di scoprire le evoluzioni delle trame italiane, segui gli aggiornamenti di Twittamibeautiful, sul sito e i profili TwitterFacebook e Instagram.