BEAUTIFUL INTERVISTE – Emiliano Coltorti (voce di Liam) per #twittamibeautiful

Cari fan di TwittamiBeautiful, vi avevamo anticipato che presto sarebbe arrivata una sorpresa davvero emozionante per tutti voi (e anche per noi, ancora non crediamo ai nostri occhi e alle nostre orecchie!).

Siete pronti?

Mmmm, sì? No? Forse?

Liam sarebbe fiero della vostra indecisione ed è per questo che abbiamo contattato il suo doppiatore, alias Emiliano Coltorti, per rivolgergli alcune domande. Ecco la mini intervista!

TwB: Seguivi Beautiful prima di diventare doppiatore di Liam? Come si diventa doppiatore di una soap di successo come Beautiful? Come funziona il doppiaggio di B&B?

E: Beautiful l’ho guardato da piccolo, più o meno nel periodo delle medie. Ricordo che andava esattamente all’ora in cui pranzavo a casa con mia madre… E ricordo ancora la gara di allora tra Beautiful e Quando si Ama! Aah, che tempi diversi.

Non è che si “diventa” doppiatore di una soap, o di qualsiasi altra cosa, in un modo particolare. Devi semplicemente essere un professionista… Quindi essere un attore che ha investito del tempo, degli anni per imparare il doppiaggio, che è solo un aspetto specifico della recitazione. Radio, cinema, televisione, teatro, doppiaggio sono tutte specializzazioni della stessa cosa. Poi, una volta inserito nel mondo del doppiaggio, i direttori o i clienti possono pensare a te per un personaggio, e proportelo.
A me con Liam è successo così 🙂

Il doppiaggio di Beautiful segue le stesse regole delle altre lavorazioni di lunga serialità. I copioni originali vengono tradotti, sotto la supervisione di una persona che si occupa di controllare la continuità della trama. Poi preparati dall’assistente al doppiaggio e infine portati in sala e doppiati.

Molti doppiatori danno voce allo stesso personaggio (o addirittura allo stesso attore) da quasi trenta anni… Quindi potete immaginare quanta familiarità abbiano con la loro recitazione, i tempi, le pause, le intonazioni.

Doppiare beautiful è un po’ come tornare dopo un lungo viaggio e andare a trovare i tuoi vecchi amici 🙂

TwB: Quanto è difficile doppiare un personaggio così indeciso come Liam? E, se fossi in lui, chi sceglieresti tra Hope e Steffy?

E: Doppiare Liam è un bell’allenamento. La sua indecisione è anche tecnica. Fa tante pause in mezzo alle battute, spezza i pensieri, ripete le parole. Bisogna stargli dietro!

Come personaggio in sé… Beh, il suo essere indeciso a quei livelli è snervante. E credo che quello che alla fine diventi davvero insopportabile, è il fatto che vorrebbero raccontarcelo come un uomo positivo, ragionevole, altruista.. mentre il risultato è l’opposto.
Comunque alla fine, per me, il lavoro è sempre nel cercare un modo di amare, di comprendere il personaggio che interpreto. In lui, ho trovato la buona fede. Che nella vita non basta, ma forse, in Beautiful…

Se fossi in Liam, io probabilmente sceglierei Hope. Ma è difficile mettersi completamente in quei panni.

TwB: Avere un padre come Bill ed essere costantemente tra due fuochi ardenti come Brooke e Taylor ti mette sotto pressione?

E: Brooke e Taylor danno voce all’indecisione di Liam. Raccontano e spiegano cosa spinge Liam da una parte, e dall’altra. Quindi non è che rendano più difficile la situazione.

2 Comments

Comments are closed.