#Bold30 [i trenta anni di “Beautiful”]: Pausa pranzo con i Forrester

I vent’anni sono pazzi, ma i trenta sono border: le trame della propria vita acquistano il retrogusto di una follia ancora più inspiegabile di quella post adolescenziale, una pazzia ai confini della realtà, quasi quanto le trame che vivono quelli di Beautifullandia.

“Beautiful” spegne trenta candeline e noi di #TwittamiBeautiful festeggiamo compilando una lista di trenta curiosità, aneddoti e situazioni sui Beautiful-people.

Dopo la sigla, una nuova puntata di questa nuova serie di articoli, diretta da Roberta di #TwittamiBeautiful.

6. PAUSA PRANZO CON I FORRESTER

Quando penso a Beautiful, ricordo le tante ore (in 30 anni, davvero molte!) trascorse a pranzare in compagnia dei Forrester, dei loro amici ed antagonisti.

angeloiacopino twittamibeautiful

Ai miei esordi da “Beautiful-dipendente”, a inizio anni 90, arrivavo a casa, buttavo lo zainetto o la borsa da qualche parte e mi fiondavo ad accendere la tv: a volte riuscivo ad arrivare prima dei miei amici di Beautifullandia e ricordo quanto quel “prima” fosse interessante, perché oltre allo spot delle calze “Sisi”, c’erano anche le interviste agli attori, in un “salotto” dedicato [beh, parlo della Rai di tanto tempo fa!].

angeloiacopino twittamibeautiful liam spencer

Oggi come allora, infilo la porta di casa, mi fiondo in cucina, accendo la tv, ma non sono più da sola con i Forrester, perché mi fanno compagnia i tanti affezionati che seguono e commentano sui social le loro trame, tra tutti, quei “pazzi” di “TwittamiBeautiful” con cui ho formato questa famiglia virtuale, Angela, Angelo, Chiara, Francesca e Valeria, ormai cinque grandi amici: da quando abbiamo creato tutto questo, la mia pausa pranzo non è più la stessa!

angeloiacopino twittamibeautiful

[Continua…]

Roberta

#TwittamiBeautiful