I problemi spazio temporali di Beautiful

Vi siete mai chiesti quanto dura una giornata tipo in quel di Los Angeles?

La risposta potrebbe sembrare banale, ma a Beautiful nulla è scontato.

Giornate che non tramontano per mesi, notti che durano l’equivalente di 5 puntate della soap, gravidanze che neanche fossero conigli (con tutto il rispetto per i conigli, che in 30 giorni si spicciano del pensiero) e figli che crescono e diventano adolescenti in men che non si dica!

Non si sa il perché, poi, i personaggi si trovano da una casa all’altra manco avessero il teletrasporto. A Los Angeles c’è sempre traffico, come ogni big city che si rispetti, ma in un secondo i protagonisti (fatta eccezione per Taylor che ultimamente è onnipresente) sono già dall’altra parte della città a far visita al loro nemico (e Brooke nel letto dell’amante di turno).

Per non parlare poi di fantomatiche destinazioni dove spiaggiare i personaggi esiliati dalla soap (vedi Ridge parcheggiato a Parigi, alla Forrester International, da mesi), RJ abbandonato in qualche college sperduto di non si sa quale città, che compare soltanto vocalmente quando, forse, è il momento di farsi mandare i soldi per la retta semestrale e Thorne, ormai quasi costantemente dimenticato in qualche sgabuzzino dell’azienda, che viene tirato in ballo solo in casi eccezionali/eventi tragici (l’ultima volta l’abbiamo visto sereno nel video-saluto alla madre defunta Stephanie, e noi vogliamo ricordarlo così).

Ovviamente, il discorso di relatività temporale vale anche per le stagioni. Se fino al giorno prima c’era l’albero di Natale in casa, dalla puntata successiva si salta direttamente alla primavera per poi ritornare, a seconda dell’umore del regista, all’inverno e al caminetto acceso nell’ufficio di Brooke nonostante Taylor, nella stanza accanto, giri tranquillamente in top smanicato!

 

P.s. Dopo il mega cenone di Natale stiamo ancora aspettando la festa di Capodanno. Voi avete notizie? Noi ci ricordiamo solo di un brindisi fuggiasco tra Liam e Steffy 🙂

Tags from the story
, , , , , ,