La cameretta di Aly

Aly dovrebbe andare in analisi, da uno bravo, possibilmente.
E questo fantomatico “uno bravo”, per prima cosa, dovrebbe prendere visione della cameretta di Aly.
Avete notato, vero?
Una sorta di tempio ad Hope e alla sua linea Hope For The Future!
Non manca nulla: c’è una cornice in argento con la foto di una sorridente Hope, ci sono delle magliette sparse qui e là con su scritto “I ♥ HFTF” e altre Hope-cianfrusaglie che fanno comprendere chiaramente quanto Aly stia messa male. Perché solo una messa male può avere una cameretta così!…
Da notare, poi, che la casa di Barbie è stata camuffata da Forrester Creations: Aly è legata alla casa di moda dalla più tenera età e anche il caffè lo prende in una tazza firmata FC!

AlyFC         FC

 

 

In poche parole, Aly è una monomaniaca che ha idealizzato la cuginastra ed i suoi messaggi e valori – che intanto si sono persi tra casa di Liam e la tenda ad Emerald Bay…

Ma l’instabilità di Aly va oltre – ne senso, di oltretomba… sì, perché Aly comincia a vedere la defunta madre. E ci parla, anche!

DARLASHINES

Insomma, qui ci vorrebbe uno strizzacervelli.
Taylor? Chi ha detto Taylor?
No, Taylor, no, per ovvi motivi: innanzitutto, dubitiamo fortemente della sua qualifica (si vocifera che la laurea in psichiatria se la sia fatta con il Publisher) e poi perché è stata proprio Taylor, ubriaca come non mai, a fare fuori la compianta Darla guidando dopo che le avevano pure tolto la patente…

Ah, mi raccomando, tenete a mente questo “particolare”, perché la partita non è ancora chiusa.
Certo, per la giustizia losangelina, Taylor non è colpevole – ma tanto, quando mai a B&B si finisce in carcere per omicidio o furto?
Però… la cosa non finisce qui per la povera Aly.
Ora capiamo perché Thorne sia finito a Parigi: non è una promozione, è una pausa dalle paturnie della figlia!

Tags from the story
, , , , , , ,