#Bold30 [i trenta anni di “Beautiful”]: I padri dei figli di Brooke [seconda parte]

I vent’anni sono pazzi, ma i trenta sono border: le trame della propria vita acquistano il retrogusto di una follia ancora più inspiegabile di quella post adolescenziale, una pazzia ai confini della realtà, quasi quanto le trame che vivono quelli di Beautifullandia.

“Beautiful” spegne trenta candeline e noi di #TwittamiBeautiful festeggiamo compilando una lista di trenta curiosità, aneddoti e situazioni sui Beautiful-people.

Dopo la sigla, una nuova puntata di questa nuova serie di articoli, diretta da Chiara di #TwittamiBeautiful.

12. I PADRI DEI FIGLI DI BROOKE [SECONDA PARTE]

I figli di Brooke Logan sono dei poveri disgraziati. Li immagino bullizzati e presi in giro per il susseguirsi di uomini che entrano nella vita della madre. Traumatizzati dal non capire quasi mai chi sia il loro padre. Molto spesso schifati dal vederla mezza nuda sui manifesti appiccicati per le strade de “LaLaCittà” degli Angeli.

Quasi nessuno di loro ha avuto una vita familiare normale e una crescita tradizionale, tutti portatori sani di “SORAS” [la Soap Opera Rapid Aging Syndrome, che ti permette di passare dall’asilo all’Università in poco meno di cinque puntate].

angeloiacopino simpson growing up

Dopo Rick e Bridget è il momento di focalizzarci su di Hope.

Hope è figlia di Deacon, all’epoca marito di Bridget, che sarebbe la secondogenita di Brooke, nonché sorella maggiore di Hope.

Quindi, Hope altro non è che la figlia del genero di Brooke, ovvero quello che sarebbe anche il cognato di Hope, che è allo stesso tempo suo padre.

Quindi Hope inizia ad essere simpatica già in fase embrionale, quando non si capisce bene quale è il suo posto nella famiglia.

Per insabbiare tutto e non essere al centro di un nuovo scandalo, Brooke decide di sposare la buon’anima di Whip Jones, ma si scoprirà presto il segreto aggrovigliato sulla paternità della nuova piccina di Brooke, nata pure lei a Big Bear, come Bridget.

Hope ha sempre saputo l’identità del suo vero padre, nonostante Brooke abbia cercato in tutti i modi di tenere la figlia lontana da Deacon. Ha voluto piano piano costruire un rapporto con lui, senza paura di chiamarlo “papà” [termine da lei usurato, a furia di usarlo random sia con Nick Marone, sia con Ridge Forrester, a seconda dei matrimoni della madre con entrambi].

Che spasso essere figli di Brooke Logan!

[Continua…]

Chiara

#TwittamiBeautiful